Hoplodrina ambigua D. & S. (Lepidoptera-Noctuidae) e altri Nottuidi del carciofo in Puglia

Rina Ippolito, Paolo Parenzan

Abstract


Hoplodrina ambigua D. & S. AND OTHER Lepidoptera Noctuidae IN ARTICHOKE FIELDS IN APULIA

Lepidoptera Noctuidae are found in artichoke fìeld from early October to late March near Bari {Apulia, Southern Italy). During three years of observations, has been acquired that the Iarvae damaging the leaves only, belong to the following species: Autographa gamma L., Chrysodeixis chalcites Esp. and Trichoplusia ni Hb., 88.3%, 7.0% and 4.7% respectively on the amount of the larvae collected. Infested plants has been 55% on average (with 1-2 larvae for each plant); the damage has been slight.

The larvae that seriously damaged the centrai rosette and the heads mostly beiong to the following species: Noctua pronuba L., Peridroma saucia Hb., Hoplodrina ambigua D. & S. and other species at the rate of 10-51-26.3 and 12.7% respectively on the amount of the collected Iarvae; the damage is heavy. The percentuage of infested plants varied during the course of the year andover three years of observations from a minimum of 18-19% in January, February andMarch to a maximum of 81% in November. On each piant, 3-8 larvae has been found.

Brief description and bio-ethology of N. pronuba, P. saucia and H. ambigua larvae is reported.

Chemical contro! is difficult due to the posìtion of the Iarvae within the centrai rosette and because the time of treatment coincides with the harvest time.

This is the first report of H. ambigua as harmful species to an agricultural crop.

In Puglia sulla coltura del carciofo, dall'inizio di ottobre a fine marzo, si rinvengono larve di Lepidotteri Nottuidi che, con la loro attività trofica, ne danneggiano le foglie, la rosetta centrale e i capolini.

Sulle foglie sono presenti in numero esiguo (1-2 per pianta) larve delle seguenti specie: Autographa gamma L. (88,3%), Chrysodeixis chalcites Esp. (7,0%) e Trichoplusia ni Hb. (4,7%). L'infestazione interessa in media il 55% delle piante, ma i danni sono di lieve entità.

Nella rosetta centrale sono presenti, sempre frammiste e in numero elevato (3-8 per pianta), larve delle seguenti specie: Noctua pronuba L. (10%), Peridroma saucia Hb. (51 % ), Hoplodrina ambigua D . & S. (26,3%), altre specie (12,7 % ); esse, alimentandosi della rosetta centrale e dei capolini, arrecano gravi danni. Le percentuali di piante infestate rilevate sono risultate variabili durante l'anno e nei tre anni di indagine, da un minimo del 18-19% (in gennaio-febbraio-marzo) a un massimo dell'81% (in novembre).

Sono riportate notizie sulla bio-etologia di N. pronuba, P. saucia e H. ambigua e brevi descrizioni delle loro larve.

Il controllo chimico risulta difficile e per la posizione delle larve, protette nella rosetta centrale, e per i tempi di intervento che coincidono con il periodo di raccolta dei capolini.

La H. ambigua è segnalata per la prima volta dannosa a una coltura agraria.

 


Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.15162/0425-1016/595

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


ISSN: 0425-1016