Aspetti morfologici della spermateca in Diestota guadalupensis Pace e altre Aleocharinae (Coleoptera Staphylinidae)

Luigi De Marzo

Abstract


MORPHOLOGICAL FEATURES OF THE SPERMATHECA OBSERVED IN DIESTOTA GUADALUPENSIS PACE AND OTHER ALEOCHARINAE (COLEOPTERA STAPHYLINIDAE)

A preliminary analyse has been carried out on fresh specimens (18 species) and then discussed by considering several data from the literature. Receptacle of Aleocharinae exhibits several adaptive features, as it can be: (a) enlarged at apex or otherwise shaped to support the compressor muscle; (b) provided with sclerites and internal crests, which seemingly improve its elastic properties; (c) provided with a perforate septum, which canalises the sperm flow. Duct is sometime adapted for mating, as its length agrees with that of the endophallus.

Besides its evident adaptations, receptacle of the Aleocharinae can exhibit a very long pipe-like basal part, which seems to be lacking in any function. This part can be either irregularly convoluted or arranged as a hank; it reaches an extreme morphological complexity when includes two coaxial helices. These are: (a) adjacent one to the other in Myllaena nemorivaga Assing from Turkey, (b) included one into the other in the exotic species from the Antilles, Diestota guadalupensis Pace.

Key words: receptacle, duct, adaptations, helical tract.

Viene analizzata e discussa la variabilità interspecifica della spermateca nelle Aleocharinae. Sono state esaminate 18 specie su preparati a fresco e sono stati utilizzati i numerosi dati disponibili in letteratura. Il ricettacolo ha una forma variamente adattata per sostenere il muscolo compressore; inoltre, presenta inspessimenti e sclerotizzazioni che probabilmente ne incrementano l’elasticità; talvolta, è munito di un setto trasversale, che orienta il flusso degli spermatozoi. Nel dotto, la lunghezza è talvolta adattata ai fini della copula perché congruente con quella dell’endofallo.

Spesso, il ricettacolo ha una parte basale lungamente tubuliforme, che costituisce grovigli, matasse o figure geometriche abbastanza regolari; al massimo della sua complessità morfologica, esso presenta due eliche coassiali, che possono essere disposte in due modi: (a) adiacenti l’una all’altra in Myllaena nemorivaga Assing della Turchia; (b) l’una dentro l’altra in Diestota guadalupensis Pace delle Antille. Secondo l’autore, questa complessità non è riferibile a nessuna esigenza funzionale della spermateca.

Parole-chiave: ricettacolo, dotto, adattamenti, parte elicoidale.


Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.15162/0425-1016/784

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.

Questo sito utilizza Cookie

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web. Informativa privacy


ISSN: 0425-1016